English versionEnglish
Inserisci la tua azienda

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940

Mostre ed esposizioni a Viareggio


Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940

Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema.

 

Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore.

 

Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano.

 

“E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica.

 

Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”.

 

L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.

All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).

Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento.

 

Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato.

 

La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia).

 

Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia.

 

Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale.

 

L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale.

 

Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia

 

I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.

Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine.

 

L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00

 

La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.

Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.

Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile)

 

Quando: fino al 22/07/2018

Dove: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio

Orario: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile)


Condividi: Invia ad un amico Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Vedi tutti gli eventi

Invia ad un amico

Il tuo nome:
Il tuo indirizzo e-mail:
Indirizzo e-mail del tuo amico:
Messaggio (opzionale):
 

Questa pagina è stata visitata 1350 volte


La redazione di ALucca.com si solleva da ogni responsabilità, le manifestazioni possono talvolta subire dei cambiamenti che non dipendono dalla nostra volontà. Si consiglia di verificare l'evento contattando direttamente gli enti organizzatori. La direzione non è responsabile di eventuali annullamenti o spostamento delle date dei singoli eventi.